Home

Bruno Weber Park

Spreitenbach

Dove mangiare
Giardino dell'arte
Parcheggio
Pet Friendly
ScopriGallery

Orari di Apertura

Aperto tutto l'anno

Nei mesi invernali fino a fine marzo 2023, il giardino sarà aperto il mercoledì, il sabato e la domenica, dalle 11:00 alle 17:00

Il giardino resterà chiuso il 24, 25, 31 dicembre e il 1° gennaio

Ingresso

Adulti: CHF 12.-
Over 65 & Studenti: CHF 10.-
Ragazzi (maggiori di 6 anni): CHF 5.-
Famiglie (fino a 2 bambini): CHF 29.-

Cenni storici
Nel corso di più di cinquant'anni, l'artista Bruno Weber (1931-2011) ha creato un mondo che assomiglia ai sogni e che trasmette una visione privata tra l'uomo, la natura e lo spazio, in 15.000 metri quadrati di vita. Politicamente il Bruno Weber Park si trova nel comune di Spreitenbach e quindi nel Cantone Argovia; l'accesso al parco, però, si trova a Dietikon, Canton Zurigo.
Lo spazio d'arte tra i Cantoni confinanti si raggiunge in circa 15 minuti in auto da Zurigo. Con i mezzi pubblici e un po' di tempo disponibile, si consiglia andare a piedi lungo il sentiero Bruno Weber, a partire dalla stazione di Dietikon. Ci vogliono circa 30-45 minuti. È presente la segnalazione per facilitare l'arrivo al parco.

In Svizzera il Bruno Weber Park è il più grande parco di sculture creazione di un singolo artista. Il parco, costruito vicino al bosco sopra Dietikon e Spreitenbach, rappresenta una Gesamtkunstwerk (opera d'arte totale) e non ha eguali.
La casa della famiglia Weber è descritta da Peter K. Wehrli come ''piuttosto cresciuta, molto come costruita, è come un insieme di cemento in filigrana, mentre si espande nella torre la sala globo stella che si riunisce al firmamento''.
Ispirato da culture lontane ed epoche abitate da creature mitologiche, il magico giardino è stato trasformato a poco a poco in un sistema elaborato con frange, ponti e stagni, piazze e palazzi. Alcune delle sculture monumentali presenti oggi sono, ad esempio, un gatto gigante (1975, cemento) il cane di più di 100 metri di lunghezza (2010, cemento, ceramica e colore).
Sedie in calcestruzzo e panchine in forme umane e animali invitano il visitatore ad ammirare il parco e a rilassarsi, circondato da boschi con diversi clematis, gigli, peonie e l'abbondanza di specie vegetali autoctone, animali domestici e selvatici.
La Fondazione Bruno Weber (fondata nel 1991) si è impegnata, in collaborazione con la famiglia di artisti, per la conservazione, la documentazione e la continua costruzione del parco.

Giardini
nelle vicinanze

Scopri:
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Città
nelle vicinanze

Iscriviti alla nostra newsletter

Termini e condizioni

Iscrizione alla Newsletter

44.212.99.248 - Tue Jan 31 15:58:28 2023 (UTC Time)
Privacy Policy
Informazioni sul trattamento dei dati